II Information Warfare Conference

La sfida della Cyber Intelligence al sistema Italia: dalla sicurezza delle imprese alla sicurezza nazionale

Svoltasi a Roma nell’ottobre del 2011, la seconda Conferenza Annuale sull’Information Warfare ha visto riuniti, come già avvenuto nel 2010, autorevoli rappresentanti di tutte le componenti strategiche del sistema Italia (governo, forze armate, servizi d’intelligence, forze di polizia, imprese, finanza, mondo accademico e della ricerca scientifica) per approfondire temi quali cyber security, cyber espionage, cyber threat ed illustrare le più importanti misure di prevenzione e contromisure, come la cyber intelligence.

L’uso degli strumenti elettronici e della rete internet è ormai quotidiano e condiviso dalla stragrande maggioranza della popolazione: la minaccia, quindi, diventa “trasversale” poiché le vulnerabilità dei singoli individui possono essere sfruttate per ottenere informazioni chiave sia sulle persone sia sul loro tessuto sociale e professionale.

La Conferenza vuole dimostrare che gli strumenti di lotta alla minaccia cibernetica devono essere sempre aggiornati e pronti per l’uso.

I temi di fondo di questa conferenza sono stati principalmente due:

  • Approfondire la conoscenza e aumentare la consapevolezza, tra i decisori politici ed economici del sistema-Italia, dell’emergere di nuove armi cibernetiche offensive e difensive, della loro futura evoluzione, nonché dei problemi inediti che esse creano per i processi decisionali nel campo della sicurezza nazionale e nel settore privato.
  • Riunire esperti e analisti – provenienti da organismi governativi civili e militari, dal mondo economico e finanziario, dalle Università e i centri di ricerca scientifica – per dare un contributo di idee e proposte concernenti:
      • l’elaborazione di una strategia di sicurezza cibernetica nazionale per il sistema-Italia;
      • l’introduzione di innovazioni organizzative nell’architettura decisionale di sicurezza nazionale allo scopo di potenziarne le capacità sia di prevenzione sia di reazione efficace e tempestiva a eventuali minacce o attacchi di cyber-war contro interessi vitali del nostro Paese.

 

La Conferenza è stata ideata dal Centro universitario di Studi Strategici e Internazionali dell’Università degli Studi di Firenze, dalla Link Campus University, dal Centro Studi “Gino Germani”, dall’Istituto di Studi di Previsione (ISPRI), d’intesa con Maglan Europe, realtà leader internazionale nell’ auditing e consulting per la difesa delle informazioni in ambito civile, militare e governativo.