V Cyber Warfare Conference

Armi cibernetiche, sicurezza nazionale e difesa del business

La quinta Conferenza Nazionale sulla Cyber Warfare si è svolta con una nuova formula, in due edizioni: la prima, “Lo Sviluppo delle Armi Cibernetiche” (Roma, 11 ottobre 2014), dedicata ad un approccio strategico e la seconda, “L’utilizzo della Cyber Intelligence per la Difesa del Business” (Milano 13 ottobre 2014), dedicata a problematiche economiche.

Il progressivo aumento della frequenza di attacchi informatici sempre più sofisticati e dirompenti rende prioritaria l’introduzione di innovazioni politico-strategiche, organizzative, tecnologiche e culturali affinché i decisori politici ed aziendali siano costantemente aggiornati e pronti ad interagire, garantendo una stretta collaborazione tra mondo civile, militare e accademico.

L’evento di questo anno, promosso dal Centro di Studi Strategici, Internazionali e Imprenditoriali (CSSII) dell’Università di Firenze, dall’Istituto per gli Studi di Previsione e le Ricerche Internazionali (ISPRI) e dal Centro Studi Difesa e Sicurezza (CESTUDIS), è ideato d’intesa con Maglan Group – leader internazionale in auditing & consulting nel campo dell’Information Defense. Le precedenti edizioni hanno ricevuto la Medaglia del Presidente della Repubblica ed i Patrocini di Senato della Repubblica, Camera dei Deputati, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministero degli Affari Esteri, Ministero della Difesa, Ministero dell’Economia e delle Finanze, Ministero dell’Interno, Ministero dello Sviluppo Economico, Ministero della Salute, Ministero per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione, Polizia di Stato.

 

La Cyber Warfare Conference (CWC), già Information Warfare Conference (IWC), si pone l’obiettivo di accrescere la consapevolezza tra i decisori politici e aziendali italiani della crescente rilevanza strategica della cyber-warfare per la sicurezza nazionale. Il progressivo aumento della frequenza di attacchi informatici sempre più sofisticati e dirompenti rende prioritaria l’introduzione di innovazioni politico-strategiche, organizzative, tecnologiche e culturali che possano garantire, oltre alla sicurezza delle infrastrutture critiche nazionali, anche la protezione delle aziende che operano in settori determinanti per lo sviluppo dell’economia italiana.

 

L‘evento è stato ideato dal Centro Interdipartimentale Studi Strategici, Internazionali e Imprenditoriali (CSSII) dell’Università di Firenze, dall’Istituto per gli Studi di Previsione (ISPRI), dal Centro Studi Difesa e Sicurezza (CESTUDIS) e dal Centro di Ricerca di Cyber Intelligence and Information Security (CIS) de “La Sapienza” di Roma, d’intesa con Maglan Group – Information Defense and Technologies. La Conferenza ha avuto l’adesione del Presidente della Repubblica e sua Medaglia di Rappresentanza ed il patrocinio di Senato della Repubblica, Ministero della Difesa e Ministero dello Sviluppo Economico.